The golden age of whisky

L'età d'oro del whisky

L'età d'oro del whisky

Alcuni dei single malt più eccezionali mai commercializzati sono stati prodotti in un'epoca affettuosamente nota come "l'età dell'oro". Le bottiglie di questo periodo sono dolorosamente scarse e hanno acquisito uno status quasi mitico tra gli appassionati di whisky. Holly Motion esplora il motivo per cui i whisky di quest'epoca sono così preziosi

17 febbraio 2023

C'è un'epoca, tuttavia, che è leggendaria: la "golden age" del whisky. Tra gli anni '50 e '80 sono stati prodotti alcuni dei single malt più ricchi di sfumature del settore. Oggi sono considerati i più grandi mai prodotti, come dimostrano i prezzi da capogiro del mercato secondario, se mai dovessero apparire all'asta.

Questi liquidi perfettamente imperfetti, caratteristici e meravigliosamente unici, prodotti in distillerie che non esistono più o che esistono in modo molto diverso oggi, non saranno mai più imbottigliati, il che li rende dei veri e propri unicorni per i collezionisti di whisky.

Per capire cosa li rende così speciali, è importante innanzitutto apprezzare quanto poco liquido esista di questo periodo. Il mercato del whisky di malto singolo era insondabilmente piccolo prima e durante questo periodo, e completamente oscurato dalle miscele. Una mera frazione del miglior liquido di un distillatore veniva imbottigliata come single malt. Queste minuscole quantità venivano inoltre prodotte attraverso pratiche che oggi si perdono negli annali della storia, rendendole più desiderabili per i collezionisti.

Per quanto riguarda il contesto, fino agli anni Cinquanta il whisky scozzese era in gran parte prodotto come sempre, attingendo a metodi tradizionali tramandati da secoli. I distillatori usavano la vista, l'olfatto e il gusto per determinare quando un liquido era pronto per essere imbottigliato. La produzione di whisky richiedeva maestria e pazienza, cosa che i produttori non potevano permettersi quando le richieste dell'industria si intensificarono e negli anni Settanta ci fu una spinta concertata a produrre di più con meno risorse. Sebbene molti produttori abbiano apportato questi cambiamenti nello stesso periodo, non sono avvenuti tutti insieme, creando una capsula temporale di whisky meravigliosamente variegata.

Gli anni '60 - quando vennero prodotti alcuni di questi grandi imbottigliamenti - si collocano tra due decenni molto diversi. Negli anni '50 la produzione era costante ma ridotta. Negli anni '70, tuttavia, i distillatori - grandi e piccoli - furono costretti ad aumentare la loro produzione di quasi il doppio, e i nomi che erano caduti in disuso furono nuovamente risvegliati dalla crescita della domanda globale di whisky scozzese.

Purtroppo, a metà degli anni '70, la situazione iniziò a cambiare. L'abbondante offerta di whisky non è stata soddisfatta dalla domanda, il che ha provocato una devastante crisi del whisky negli anni '80 e alcuni degli anni più difficili che l'industria del whisky scozzese abbia mai sopportato. Molte distillerie furono costrette a chiudere, tra cui le ormai leggendarie Port Ellen e Brora, che chiusero entrambe i battenti nel 1983. La depressione continuò fino agli anni Novanta, con altre 20 vittime (di cui solo tre riaprirono), prima che il pendolo tornasse a oscillare all'inizio degli anni Duemila, quando iniziò la sete apparentemente inestinguibile di whisky single malt, ancora oggi in pieno vigore.

Dagli anni Cinquanta in poi, i detentori dei cordoni della borsa, sempre più logori, cercarono di ridurre le inefficienze nella pratica tradizionale, ad alta intensità di lavoro, della produzione del whisky, che definì l'età dell'oro. Con l'introduzione di processi moderni, più meccanizzati e sicuri, fu una nuova alba per il whisky scozzese.

Uno dei pochi alambicchi a fuoco diretto rimasti in Scozia presso Glenfarclas

 

In questo periodo storico, ogni singola fase della produzione del whisky fu "snellita". I finanzieri chiusero le malterie a terra, introdussero il lievito per distillatori, ridussero i tempi di fermentazione, installarono tini di semi-lavaggio, passarono ad alambicchi a fuoco indiretto, sostituirono le vaschette con condensatori a guscio e a tubo e introdussero botti ex-Bourbon. Alla fine degli anni '70 si poteva quasi contare sulle dita di una mano il numero di distillatori che mantenevano i metodi tradizionali.

È importante ricordare che la modifica di uno di questi processi può alterare l'intero profilo gustativo di un whisky: basta chiedere a Glenfarclas, che tornò all'alambicco a fuoco diretto dopo che il suo distillato di nuova produzione perse il suo caratteristico profilo pesante e oleoso durante lo sfortunato flirt con il vapore nel 1981. Eppure, in molti casi, i produttori hanno modificato in modo permanente molti di questi processi. Le pratiche tradizionali e il know-how, che variavano leggermente in ogni distilleria, cominciarono a essere esternalizzati, mentre ci si rivolgeva a maltatori professionisti e si installavano attrezzature moderne su scala industriale che aumentavano l'efficienza e la coerenza, ma che in alcuni casi compromettevano l'artigianalità e il carattere del profilo finale dello spirito.

"Ogni distilleria ha la sua storia e la sua evoluzione stilistica", spiega l'esperto di whisky Serge Valentin, "i suoi alti e bassi".

Valentin era in anticipo sui tempi quando ha iniziato a collezionare scotch single malt, quasi esclusivamente di Old Clynelish e Brora. Non poteva certo prevedere cosa sarebbe diventato il suo progetto passionale di acquistare il maggior numero possibile di bottiglie diverse "semplicemente perché erano le sue preferite".

Sia il Clynelish che il Brora, come sarebbe stato conosciuto, produssero malti fortemente torbati durante la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70. Gli imbottigliamenti di questo periodo fino al 1983, quando Brora fu vittima del whisky loch e cadde nel silenzio, sono diventati molto collezionabili negli ultimi anni. I vecchi imbottigliamenti di Clynelish (i preferiti di Valentin), che hanno un carattere robusto con aromi di cera profumata ed erica, sono sorprendentemente rari e i collezionisti moderni si arrampicano l'uno sull'altro per mettere le mani su queste gemme dell'età dell'oro per un prezzo molto superiore a quello che Valentin avrebbe pagato.

Stephen Rankin ha avuto la fortuna di assaggiare i whisky di una delle più notevoli biblioteche di single malt del mondo, quella di Gordon & MacPhail. Il suo team è in grado di estrarre liquidi da quelle che lui definisce "pre-evoluzioni all'interno delle distillerie" grazie alla lungimiranza della sua famiglia nell'acquistare barili da produttori in difficoltà economiche che stavano vendendo le loro scorte per sopravvivere. L'imbottigliatore indipendente con sede a Elgin ha avuto il lusso e la forza d'animo di aspettare il momento giusto e di conservare botti che altrimenti sarebbero state imbottigliate giovani o miscelate. Ha un particolare affetto per i single malt di quella che era la Milton Distillery, conosciuta dal 1951 come Strathisla, che descrive come un "grande esempio di whisky che ha i sapori di quest'epoca passata".

Imbottigliatori indipendenti come Gordon & MacPhail hanno svolto un ruolo fondamentale nel portare nel mondo molti di questi whisky ormai leggendari. Un uomo in particolare, Silvano Samaroli, è stato responsabile dell'imbottigliamento di single malt che oggi sono ampiamente considerati tra i più grandi mai prodotti.

Samaroli, con sede a Roma, pubblicò la sua prima serie di whisky scozzesi nel 1968, sotto forma degli ormai iconici imbottigliamenti Cadenhead, diventando così il primo imbottigliatore indipendente di whisky scozzesi al di fuori del Regno Unito. Oggi, i Bowmore, i Glen Garioch e gli Springbank di Samaroli sono particolarmente apprezzati e i suoi Laphroaig single malt del 1967 e del 1970 sono un'eccellenza.

"La fine degli anni '60 e gli anni '80 sono sicuramente uno dei periodi più significativi", afferma Daniele Liberati di Samaroli, "soprattutto per la comparsa di alcune espressioni per la prima volta".

"Abbiamo iniziato a proporre imbottigliamenti diversi, allontanandoci dai classici blend e dalle uscite ufficiali della distilleria", aggiunge Liberati. Si trattava di espressioni single-cask, imbottigliamenti numerati e versioni cask-strength, tutte cose che oggi sono comuni ma che all'epoca erano rivoluzionarie.

Uno spettacolo raro: le tradizionali malterie a pavimento di Springbank

Negli ultimi anni, una manciata di nuovi distillatori si è rivolta alle vecchie pratiche di produzione del whisky nel tentativo di recuperarne la magia. Il neonato distillatore dello Speyside Dunphail, ad esempio, ha installato fedelmente - e a caro prezzo - malterie tradizionali a terra, alambicchi a fuoco diretto e lavabi aperti in legno, dove i tempi di fermentazione sono notevolmente più lunghi rispetto alla media del settore, per produrre un whisky dello Speyside fruttato, oleoso e di medio corpo. Oggi, tuttavia, questi metodi tradizionali sono sempre adottati insieme a pratiche moderne per ottenere tutte le caratteristiche desiderabili di un tempo in modo più efficiente.


Sebbene vi sia la tentazione di guardare a quest'epoca con una visione rosea, poiché è innegabile che vi siano alcuni imbottigliamenti eccezionali di questo periodo, è sbagliato credere che tutto il whisky prodotto nell'età dell'oro fosse dello stesso livello. La produzione di whisky di 40-50 anni fa era imperfetta, c'era poca coerenza nella qualità e per una botte buona, un distillatore ne aveva probabilmente 10 o 20 cattive che non hanno mai visto la luce.


È anche importante notare che molte di queste modernizzazioni erano fondamentali per garantire la sicurezza dei lavoratori della distilleria, poiché diverse fasi della produzione erano instabili. Questi progressi hanno anche portato a una coerenza senza precedenti. Sebbene le sfumature e la singolarità siano state sacrificate, oggi è incredibilmente difficile trovare un dram scadente.

Con l'evolversi dei tempi - come inevitabilmente accade - è altamente improbabile che il whisky dell'epoca d'oro scozzese non venga più considerato prezioso. 

Torna al blog